it dm gb ger

Via Lutheri

Un Viaggio teatrale da Roma a Wittenberg

da aprile fino a luglio del 2012

Sulle trace di Martin Lutero in occasione del 500 anniversario della sua camminata

Attraverso l’Itaia, la Francia, la Svizzera e la Germania

Infos

Via Lutheri

Come lo storico della riforma Hans Schneider di Marburg ha dimostrato (nel marzo 200) in una pubblicazione recentemente uscito, il viaggio di Martin Lutero per Roma è stato per il suo sviluppo al riformatore  più importante che fino adesso comunemente immaginato.

Non è stato solo il suo viaggio più lungo (temporale come spaziale) e non solo l’unico che gli ha portato oltre ai confine della Germania e cosi diventava importante per la sua conoscenza del mondo. Soprattutto per via degli avvenimenti e conflitti che gli hanno portato a questo viaggio e l’hanno accompagnato, ha fatto delle esperienze e conoscenze fondamentali, che nella conseguenza ha sviluppato ulteriomente all cuore spiritale e intellettuale di tutta la teologia rifomatoria. Nei conflitti di questi tempi all’interno del suo ordine per la forma questo mondo, che anzi spesso la giustizia, la religiosità si combattono reciprocamente e che la gente più moralistica è spesso la più scellerata.

 

Angebliches “Haus des Pilatus” in Vienne
von Luther beschrieben

Di la è stato solo un passo (anche se era ill più importante) alla conoscenza che ha capito come rivelazione salvante, che opera pie non conducono alla letzia, anziché sono un impedimento sulla via, perché inducono all’orgoglio. Dalla profondità del suo sentirsi perduto nel mondo, come diceva Lurero, nessuno può sallvare se stesso ; lo fa solamente Dio, anzi, l’ha fatto motto tempo fa.

A lato delle fatiche della via (spesso più di 40 km al giorno), dell’incelmenza del tempo e delle nuove impressioni permanenti sempre anche nello straniero ambiente linguistico sono sate soprattuto le questioni teologiche che impegnavano il Monaco di 28 anni sulla sgambata che aveva poi più di 2.000 km.

 

Nell’anno 1993 cinguanta persone hanno fatto a piedi da Wittenberg l’andata di Lutero di 1718km per Roma via il asso del Settimo. Nel 2012 vogliamo avventurare con 200 persone il ritorno attraversando l’Italia, la Francia e la Svizzera.

 

Purtroppo Lutero non ci ha lasciato una descrizione del viaggio ma Schneider ha potuto apparire che Lutero è percorso a piedi da Roma verso una città portuale alla costa occidentale italiana, di lá ha preso la nave per Nizza e poi passando per Aix, Avignone, Lione, Ginevra, Zurigo e Augusta raggiugeva a Wittenberg. Alcune città su questo sentiero hanno conservato fino ad oggi ancora dei ricordi vivi al soggiorno di Lutero.

 

Se allora dopo 500 anni vogliamo sequire quest’ itinerio, non vogliamo evocare gli spirituali che inziavano a quell’epoca e dovevano cambiare il mondo.

Tale ravvicinamento, pensiamo noi, è impossible senza il medio dell’arte. Così il nostro corteo sarà accompagnato da una “Brigata d’artisti” (attori, pittori, musicisti) che entreranno in scena nelle città e paesi che passiamo.

Queste città e paesi sono pregati ad assegnare dei messaggi agli aviator: ad uno, a più di uno o a tutti I paesi sull’itinerario.  Dopo questi messaggi vengono pubblicati per documentare l’unione europea e per dimostrare che l’apparenza di Lutero non solo nuova vicinanza, nuovi contatti e un nuovo insieme.

Papst Julius II. 1443-1513

Saremmo poi contentissimi se a questo proposito dal Vaticano potremmo annunciare la buona novella nel mondo, che la Santa Sede ha ritirato la sua dichiarazione del 1520, che diceva, che Dio vuole la combustion di tutti gli eretici. Ci stiamo lavorando.

Naturalmente sappiamo che non possiamo seguire il viaggio di Lutero nel senso pieno. Bisogna tentare di condividerlo con tutti I sensi. Chissà cosa farà il sentiero lungo e duro con noi, è una domanda emozionate.

Sarebbe bello, se riuscissimo a creare una “nuova marca”: il primo cammino europeo di Lutero, su questo poi sono in gito tanta persone quante adesso sul Cammino di san Giacomo (che storicamente è meno provato). Kafka scrive: “ I sentieri si construiscono viaggiando”. Proviamo a verdure se è giusto.

Con le sarge il corteo di Lutero sarà congedato da Roma e salutato a Wittenberg, ma anche sul cammino ci saranno vari ricvimenti e incontri.

Non tutti I camminatori potranno fare tutt il sentiero, ma hanno la possibilità di fare anche solo una parte della via.

Simbolo del corteo e il Cigno volante (dopo un vechio vaticinio di Jan Hus, che ha accennato su Lutero). Sarà anche accompagnato di un foglio dell’olivo ecumenico, che I rappresentanti delle chiese varie nel 2011 hanno piantato davanti alla chiesa romana San Paolo fuori le Mura.

Ogni partecipantericeve un vestito e un cazoniere, che fra l’altro contiene l’inno del corteo.

Si pernotta secondo le tappe di 30 a 40 km al giorno a richiesta a possibilità nei rifugi, ostelli, scouole, alberghi, pensioni o tende. Ogni settimana ci sarà un giorno di riposo.

 

Kaiser Maximilian I. 1449-1519

Il viaggio per Roma per delega del suo ordine è l’inizio del lavoro pubblico Martin Lutero. La scelta per questa missione è stata contemporaneamente una prova della fiducia del suo supremo dell’ordine, del Vicario Generale della Congregazione dell’Eremita Agostiniano Johann di Staupitz, e, per l’ulteriore sviluppo molto importante, cresce il profondo rapport confidenziale dei due uomini. D’ora in poi Lutero cominica ad avere sempre un ruolo più importante nel suo ordine, fino verso l’anno 1517 in cui diventa l’agostiniano tedesco più autorevole accanto a Staupitz.

 

L’itinerario del monaco Martin Luder (così si nominava a quell’epoca) da Roma a Wittenberg è anche una parte del suo itinerario al Riformatore Martin Lutero.

 

Far vedere l’itinerario all’ampio pubblico nel territorio nazinale e internazionale, su quest oil viaggio teatrale “ Via Lutheri ” vuole dare nell’ambito della decade di Lutero e nella preparazione all’anniversario della riforma 2017 un proprio contributo.   

 

Ulrich Pfingsten